Crea sito
Pino Daniele


Sondaggio


Hai comprato la Special Edition di Nero a Metà?

No, ho già l'originale
No, ma la comprerò
No, non mi interessa
Sì, come potevo perdermela
Sì, mi aspettavo qualcosa di più
Sì. è bellissima



Vedi risultati senza votare



visto:2235
«Sul palco a Milano è sempre bello come trent’anni fa»
Fonte Il Giornale

In piazza Duomo come 30 anni fa, quando cantava Je so' pazzo sul sagrato affiancato da De Piscopo, Senese e gli altri. Dopodomani Pino Daniele sarà ancora qui, sul megapalco di «Radio Italia» insieme ai big nazionali come la Pausini, Tiziano Ferro, Max Pezzali eccetera. Domani sera, però, sarà tutto per lui il Teatro degli Arcimboldi dove presenterà i brani dell'ultimo disco «La Grande Madre». Oltre, naturalmente, ai classici del suo immenso repertorio.
Milano è da sempre una tappa irrinunciabile delle sue tourn´e, anche se in un brano cantava «Accidenti a questa nebbia»...
«Ma no, Milano è una capitale del mercato musicale e qui mi sono sempre sentito più vicino all'Europa. Alla festa di Radio Italia poi ho aderito con entusiasmo perchè 30 anni fa, quando è nata, io c'ero eccome. E anche perchè dialogare con altri musicisti fa parte della mia cultura e credo che possa insegnare molto ai giovani».
Domani agli Arcimboldi sarà affiancato, così nell'album e nei progetti degli ultimi anni, da musicisti stranieri. In Italia di strumentisti validi non ce ne sono?
«Certo che sì, ma quelli che cerco io per le mie collaborazioni non sono soltanto stranieri, ma musicisti particolari che hanno suonato con i big della musica mondiale. A Napoli c'è un detto: fattela con chi è meglio di te e fagli le spese...»
Lo conosco. A proposito: molti sostengono che in napoletano componeva molto meglio che in italiano, eppure è una lingua che ha completamente abbandonato nelle sue canzoni. Perchè?
«Non c'è un perchè. Uno nelle canzoni racconta sè stesso, quello che gli accade, si viaggia nel mondo e i cambiamenti sono inevitabili. L'importante, secondo me, è mantenere un proprio carattere. Anche in passato ho scritto dei brani in italiano ma che avevano un'anima fortemente napoletana, pensi a Quando scritta con Massimo Troisi. Poi ho anche pensato: meglio voltare pagina perchè poesie così belle non mi sarebbero più venute...»
Nei vecchi album, diciamo fino alla fine degli anni '80, dava però anche molta più importanza alla musica, agli arrangiamenti, agli assoli. Poi che è successo? «Non c'è nulla di studiato a tavolino, semplicemente ho seguito la mia evoluzione, oggi ho 57 anni e allora ne avevo 30. Ma aggiungo anche che erano altri tempi e si risentiva del clima degli anni '70 in cui c'erano grandi scuole e la musica aveva una valenza di tipo anche socio-politico. A Napoli si suonava tanto ma al Nord c'erano De Andrè, la Pfm, gli Area, i New Trolls, il Banco. Oggi invece all'aspetto musicale si dà molta meno importanza».
È un bene o un male?
«Ovviamente un male, ma per fortuna esistono i concerti e i giovani la musica vengono a sentirla dal vivo, anche se il prodotto disco è finito. Sono i corsi e ricorsi, però la musica non muore. Anche ai tempi di Beethoven non esistevano i dischi e si andava soltanto ai concerti...».
Chi sono secondo lei, in Italia, i talenti musicali di oggi?
«Adesso tra i giovani esiste un altro tipo di talento che è imparagonabile anche perchè oggi per la musica esistono molte meno opportunità. Oggi vedo tanti bravi interpreti molto validi tecnicamente, come il giovanissimo Casillo o la stessa Emma, ma parliamo di cantanti che hanno sempre bisogno di autori, mentre manca completamente una scuola di nuovi cantautori. Di bravi che oggi compongono canzoni mi vengono in mente solo gruppi non più giovani, come Negrita, Litfiba o Negramaro».
A Milano abita il suo ex batterista Tulio De Piscopo che qui ha una scuola.
Lo chiamerà?
«Per la verità è tanto che non ci sentiamo, anche se nel 2008 abbiamo fatto assieme una tournèe-revival con tutto il repertorio degli anni Ottanta. È stato bello ma è finita là».
E tra gli altri della vecchia guardia, da James Senese a Tony Esposito, con chi è rimasto in contatto?
«Beh, ho mantenuto un bel rapporto d'amicizia con Enzo Avitabile e Rino Zurzolo. James lo sento di rado, ma so che fa ancora dischi»
Lui con la musica è rimasto un «duro e puro»...
«Ognuno fa le sue scelte»
Qual è, tra le sue canzoni, quella a cui è più legato?
«Ce ne sono diverse, da Quando a Io per lei, ma forse in testa metterei Napule è...».







Autore:

Filtro Anti spam: Nome e cognome dell'artista a cui è dedicato questo sito (Tutto Maiuscolo - 4,7):



Tutti i commenti saranno pubblicati immediatamente sul sito.
I commenti volgari, con contenuti offensivi o non ritenuti idonei dall'amministratore saranno rimossi il più in fretta possibile.
Segnalate tutti i commenti che ritenete non rispettano le precedenti regole ai riferimenti email indicati in fondo alla pagina.
L'amministratore non è responsabile del contenuto dei commenti pubblicati, ma interverrà cancellando i commenti non idonei qualora necessario.




Lista Commenti


Ancora nessun commento inserito per questo articolo.






visto:45024 Visualizza i commenti e/o scrivi un commento
Brevi Pino Daniele 2013


Articolo aggiunto il 28/05/2014

28/05/2014
Nero a metà special edition

Il 3 giugno esce Nero a metà Special Extended Edition (Universal Music Italia), lo storico terzo album di Pino Daniele: sono stati recuperati i nastri originali e rimasterizzati i 12 brani del cd. Inoltre dalle stesse registrazioni del 1980 sono stati tratti due brani inediti (di cui uno strumentale) e nove brani in versioni alternative e demo, che i fan potranno ascoltare per la prima volta. L'album sarà disponibile nei negozi, in digital download e su tutte le piattaforme streaming.
(leggi la fonte)
 

28/05/2014
Pino Daniele premiato ai Music Award

Il 3 giugno tornano i MUSIC AWARDS, in scena per il secondo anno consecutivo a Roma presso “Il Centrale Live” – Foro Italico e in diretta in prima serata su Rai 1. Tra i premiati anche Pino Daniele.
(leggi la fonte)
 

18/03/2014
Pino Deniele a Webnotte

Una serata speciale, quella di Webnotte, online su Repubblica.it questa sera (18/03/2014) alle 21.30. Sì, perché protagonista tra le scrivanie della redazione di Repubblica sarà Pino Daniele, che con la sua band verrà a presentare la sua grande musica e a parlare dello straordinario evento che si terrà l'1 settembre all'Arena di Verona, un'unica serata in cui l'artista riproporrà uno dei suoi capolavori, Nero a metà. In esclusiva per Webnotte Daniele proporrà alcuni brani dal vivo. vedi qui la puntata di webnotte
(leggi la fonte)
 


Leggi le altre brevi





Questa pagina è stata visualizzata 59994 volte.